Robert Kennedy parla per la seconda volta in pubblico dell'istituzione di una commissione d'inchiesta sui vaccini

Robert F. Kennedy Jr. ha poi spiegato che il Congresso ha concesso a Big Pharma una "immunità legale di copertura" in materia di vaccini. Quindi, non importa quanto sconvenienti siano i protocolli di controllo, non importa quanto sia assente il controllo di qualità, non importa quanto tossici siano gli ingredienti o quanto grave sia il danno al tuo bambino, non potrai farle causa."

Gli enormi profitti derivati nell'industria non regolamentata e immune, hanno causato la corsa di Big Pharma alla produzione di nuovi e inutili vaccini da pompare nei bambini appena nati - spesso decine alla volta.

"È diventata una corsa d'oro per l'industria farmaceutica aggiungere nuovi vaccini obbligatori all'offerta per gli stati".

" Io ho fatto tre vaccini nella mia vita per essere in regola. Ho 63 anni. I miei figli hanno fatto 69 dosi di 16 vaccini per esserlo e molti di questi vaccini non sono nemmeno per le malattie trasmissibili. Come l'epatite B, causata da rapporti sessuali non protetti o da scambio di aghi - perché la pratichiamo ad un bambino al suo primo giorno di vita? E' pieno di mercurio. Se quella fiala di vaccino accidentalmente cade e si rompe il protocollo prevede che tu debba smaltirlo come rifiuto pericoloso. Devi evacuare l'edificio. Perché dovresti prenderlo e iniettarlo in un bambino? "

RJK Jr. ha detto anche che Bill Gates (la solita bestia MERDOSA), ha recentemente ammesso di aver detto al presidente Trump che "non c'è bisogno" di un'indagine indipendente sulla sicurezza dei vaccini, perché lui li "ha esaminati" e sono "completamente sicuri ".

Citando un nuovo studio indipendente, finanziato dal governo danese, che ha esaminato la sicurezza del vaccino Tdap nella sua somministrazione a popolazioni infantili africane, Robert F. Kennedy Jr. ha detto che "gli è caduta la mascella sul pavimento" quando ha letto che il vaccino, fortemente promosso e incentivato proprio da Bill Gates spinto sui bambini africani, uccide più persone delle malattie contro le quali si suppone sia efficace.

"Praticamente ogni bambino in Africa lo fa. Quello che hanno trovato, nel fare un raffronto bambini vaccinati contro bambini non vaccinati, che non era mai stato fatto, ha dato dei risultati spaventosi: il vaccino TDap (difterite, pertosse e tetano) sta uccidendo più persone degli stessi morbi contro i quali è stato progettato”

I bambini che hanno ricevuto il vaccino hanno "probabilità dieci volte maggiori di morire per causa derivanti dal vaccino" nei due mesi successivi alla vaccinazione, rispetto a quelli che non hanno ricevuto il vaccino.

"Quindi noi DOBBIAMO fare questo tipo di ricerca assieme alle analisi costi / benefici per ogni singolo vaccino. ”

L'intervistatore chiede allora il motivo della grande opposizione che Kennedy jr ha incontrato, da parte di molti denigratori e scienziati

Robert F. Kennedy Jr. ha risposto: "Sono chiamato anti-vax perché l'industria farmaceutica è molto potente. Elargiscono quasi 6 miliardi di dollari all'anno solo ai media, sono immuni per mano del Congresso, come ti ho detto, non puoi far loro causa. Controllano attentamente i dibattito e ciò che viene detto. Sono molto grato a te, perché hai avuto il coraggio di permettermi di parlare. Questo è il secondo intervento televisivo in dieci anni che mi permette di parlare di questo."

"Dobbiamo avere un dibattito responsabile. Un dibattito vero, basato sulla vera scienza"

lo studio al quale si riferisce Kennedy jr è questo:

"Conclusion: DTP was associated with increased mortality"
"Conclusioni: il vaccino Difterite, Tetano, Pertosse è associato all'aumento della MORTALITA'"

http://www.ebiomedicine.com/…/S2352-3964(17)30046-4/fulltext



Approfondimento sullo studio danese:

Un team di scienziati scandinavi ha condotto questo studio e i risultati sono allarmanti. Lo studio, finanziato in parte dal governo danese e guidato dal Prof. Soren Wengel Mogensen, è stato pubblicato a gennaio in EBioMedicine. Mogensen e il suo team di scienziati hanno scoperto che i bambini africani inoculati con il vaccino DTP (difterite, tetano e pertosse), durante i primi anni 1980 avevano una mortalità di 5-10 volte maggiore rispetto ai loro coetanei non vaccinati.
I dati suggeriscono che, mentre il vaccino protegge contro l'infezione da questi tre batteri, rende i bambini più suscettibili di morire da altre cause.

Gli scienziati definiscono lo studio un "esperimento naturale" poiché un sistema di vaccinazione basato sulle fasce d'età e impiegato per il progetto di salute di Bandim (BHP) in Guinea Bissau, in Africa occidentale, ha avuto l'effetto di creare una coorte vaccinata e un gruppo di controllo non vaccinato nello stesso contesto sociale circoscritto.
Nel periodo di tempo di questo studio, la Guinea-Bissau ha avuto un tasso di mortalità infantile maggiore del 50% per i bambini fino all'età di 5 anni.

A partire dal 1978, i lavoratori sanitari della BHP hanno contattato le madri in gravidanza e le hanno incoraggiate a visitare le sessioni di pesata infantile, messe a disposizione da un team BHP ogni tre mesi, dalla data di nascita del bambino.

A partire dal 1981, BHP ha offerto delle vaccinazioni gratuite alle sessioni di pesata.
Dato che le vaccinazioni DPT e le vaccinazioni per via orale (OPV) erano offerte solo a bambini che avevano almeno tre mesi di età durante le sessioni di pesata, la distribuzione delle fasce d'età consentivano a questo studio l'analisi dei morti tra i 3 ei 5 mesi di età, a seconda dello stato di vaccinazione. Così, per esempio, un bambino nato il 1° gennaio e pesato il 1° aprile sarebbe stato vaccinato, ma un bambino nato il 1° febbraio non sarebbe stato vaccinato fino alla successiva visita, all'età di 5 mesi, quindi il 1 ° luglio.

Nell'analisi primaria, i bambini vaccinati con DTP hanno sperimentato una mortalità di cinque volte superiore ai neonati non vaccinati con DTP.
La mortalità delle femmine vaccinate erano di 9,98 volte superiore a quelle delle femmine nel gruppo di controllo non vaccinato, mentre le mortalità dei maschi erano 3,93 maggiori dei non vaccinati.
Mogensen e suoi colleghi ipotizzano che il vaccino DTP potrebbe indebolire il sistema immunitario di un bambino contro le infezioni non target.
Concludono, "Sebbene si riveli protettivo contro la malattia bersaglio, il DTP può aumentare la suscettibilità alle infezioni non correlate ... DTP è stato associato con una mortalità più elevata di 5 volte maggiore nei vaccinati, rispetto ai non vaccinati. Nessun studio prospettico ha mostrato effetti benefici di sopravvivenza del DTP".
Lo studio Mogensen sostiene le conclusioni delle indagini precedenti sulla sopravvivenza dei bambini dopo la vaccinazione.

Uno studio precedente del Dott. Peter Aaby, dell'introduzione del DTP nella Guinea-Bissau rurale, ha indicato una mortalità più elevata di 2 volte nei bambini vaccinati (Aaby et al., 2004a). La relazione Aaby è uno dei numerosi studi preliminari che hanno documentato lo stato di vaccinazione e hanno seguito i bambini in modo prospettico. Tutti hanno indicato che i bambini vaccinati con DTP sono morti con tassi superiori alla mortalità nel gruppo di controllo. Una meta-analisi di tutti e otto gli studi noti ha riscontrato una mortalità più elevata di due volte per DTP vaccinata rispetto a DTP non vaccinati (Aaby et al. 2016) (Appendice A).
Nel 2014, il gruppo consultivo strategico di esperti sull'immunizzazione (SAGE) dell'organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha condotto una propria revisione della letteratura sui potenziali effetti non specifici (NSE) di diversi vaccini, tra cui DTP, e ha rilevato che la maggioranza degli studi riportati ha segnalato un effetto dannoso della DTP (Higgins et al., 2014; Gruppo consultivo strategico di esperti di immunizzazione, 2014) a causa della sua tendenza ad aumentare la suscettibilità alle infezioni non correlate. SAGE ha raccomandato ulteriori ricerche.
Inoltre, Mogensen ei suoi colleghi osservano che gli studi esaminati da SAGE hanno probabilmente sottovalutato l'effetto letale del vaccino DTP a causa della mortalità insolitamente elevata nei gruppi di controllo
"I bambini non vaccinati in questi studi sono stati di solito bambini deboli, troppo malati o malnutriti per essere vaccinati E gli studi possono quindi avere sottovalutato l'effetto negativo del DTP".
Lo studio Mogensen ha cercato di evitare questa trappola, utilizzando i controlli selezionati per date di nascita ed eliminando i bambini sottopeso e gli orfani, sia dal gruppo di studio che dal gruppo di controllo. Lo studio comprdeneva quindi solo i bambini che erano allattati al seno. Tutti i neonati erano sani al momento della vaccinazione.

Gli autori dello studio concludono con un rimprovero alla sanità pubblica:

"Dovrebbe essere preoccupante che l'effetto delle vaccinazioni di routine sulla mortalità per tutte le cause non sia stato testato in studi randomizzati. Tutte le prove attualmente disponibili suggeriscono che il vaccino DTP possa uccidere più bambini da altre cause di quanto non risparmi da difterite, tetano o pertosse. Anche se un vaccino protegge i bambini contro la malattia bersaglio può aumentare simultaneamente la suscettibilità alle infezioni non correlate. "Queste parole dovrebbero servire come un campanello d'allarme e una doccia gelata per l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il CDC e altri funzionari della sanità pubblica. L'opinione pubblica, sia nei paesi poveri che in quelli ricchi, ha diritto a prove scientifiche che attesti con certezza che i programmi internazionali di vaccinazione sono i più sicuri possibile e che siano stati accuratamente testati prima dell'inoculazione. I migliori criteri per la valutazione della sicurezza sono gli studi che confrontano i risultati della salute dei vaccini contro la popolazione non vaccinate. Tuttavia, sia il CDC che l'OMS hanno scoraggiato in modo aggressivo la ricerca e in finanziamento di tali studi.
Infine, è importante notare che il vaccino DTP utilizzato in Guinea-Bissau nei primi anni 1980 quasi certamente conteneva alte concentrazioni di mercurio e alluminio. I vaccini DTP, creati per la prima volta negli anni '40, sono ancora oggi ottenuti mescolando alluminio e un preservante al mercurio (thimerosal). A quel tempo, l'American Academy of Pediatrics ha raccomandato la DTP per l'uso in massa nei bambini. Prima del 1990, DTP era l'unico vaccino contenente thimerosal raccomandato per i neonati.

Cinque produttori hanno fornito all'UNICEF i vaccini DTP utilizzati nell'Africa occidentale alla fine degli anni '70 e all'inizio degli anni '80.
Uno di questi, il Biken del Giappone, ha descritto lo standard del settore nel suo rapporto del laboratorio del 1987: "Struttura del metodo di fabbricazione-La preparazione [del DTP] contiene anche thimerosal come conservante".
Nei primi anni '80, una cascata di cause depositate negli Stati Uniti per conto dei bambini danneggiati dal vaccino stava guidando i produttori di DTP e minacciando di arrestare immediatamente la produzione del DTP e di altri vaccini.
Quella minaccia ha portato il Congresso degli Stati Uniti a dare l'immunità legale ai produttori di vaccini attraverso il National Childhood Vaccine Injury Program nel 1986, approvato nel dicembre 1987, con l'avvio del "Tribunale dei vaccini".

A seguito della raccomandazione dell'Istituto di Medicina, i vaccinatori hanno rimosso il Thimerosal del DTaP americano tra il 2001 e il 2003. Tuttavia, i vaccini DTP multi-dose, dati a decine di milioni di bambini in tutto il continente africano, continuano a contenere dosi massicce di thimerosal (25mcg di etilmercuro per iniezione) che superano spesso i livelli massimi di esposizione dell'EPA. Né il CDC né l'OMS hanno mai pubblicato uno studio vaccinato vs non vaccinato che sarebbe necessario per determinare gli impatti generali sulla salute di questa potente tossina sui bambini africani. La relazione Mogensen è una chiamata a gran voce per la realizzazione di uno studio con tali requisiti.