Figure del Trust

Disponente = chi possiede il bene = il Popolo della Nazione

Beneficiario = il Popolo della Nazione che gode dei frutti della buona gestione. I beni sono suoi.

Guardiano = Garante della Costituzione = Il Presidente della Repubblica. = sorveglia la corretta applicazione dell'accordo con il Popolo e ne garantisce il rispetto osservante = nomina o revoca la nomina al Trustee = nomina il Presidente del Consiglio e approva la lista dei candidati alle cariche di Ministro = oppure revoca lo stesso, sciogliendo le camere e andando a nuove elezioni.

Trustee = chi opera nel rispetto dell'obiettivo di scopo = Presidente del Consiglio e il Governo. A sua volta ne nomina molti altri, alle sue direttive.

Il Parlamento in tutto questo, DOVREBBE essere l'organo elettivo che TUTELA i nostri interessi di TITOLARI DEI BENI della NAZIONE. Ossia, il nostro rappresentante legale che ascolta e riporta nelle aule dei due rami del Parlamento, le nostre DISPOSIZIONI di unici intestatari del TERRITORIO della NAZIONE e del Bene Supremo delle nostre esistenze di Nativi.

Tutto questo è un TRUST. Nè più, nè meno.
Vi ho fatto pure un disegno esplicativo.
Tirate le vostre conclusioni, se sia amministrato come si deve o meno.

Attenzione, però:
Il foro competente per il trust ITALIA è presso la Sec di Washington DC - Columbia District. Un ente PRIVATO in diritto internazionale. In giurisdizione immune e superiore agli Stati.

La firma di questo PATTO, un immenso trust planetario, ne indica l'appartenenza e l'osservanza sotto giuramento, si tratta del "Trust Indenture Act" del 1939, il codice deontologico della Sec (Security Exchange Commission, l'organo mondiale di controllo della Borsa e dei Titoli). Tutti i Paesi hanno dovuto sottoscriverlo per poter scambiare e fare affari sui mercati internazionali, Italia compresa, allora Regno d'Italia. La firma fu apposta da un Ministro del Re, Guido Jung, con delega alle Finanze. Il Patto è tuttora validissimo ed alla base degli accordi finanziari internazionali da allora.
L'Italia dovette cambiare vestito, lo impose Roosvelt e il Re obbedì. Poi la guerra, poi l'abdicazione, poi l'occupazione americana poi le clausole segrete dei Trattati di Pace di Parigi, ancora oggi mai rivelate. L'Italia si cambiò d'abito nel 1934, sottomise la sua sovranità ad un ente privato nel 1939, abiurando la sua stessa Nazione e vendendola sui mercati internazionali, con il Disponente/Beneficiario come PEGNO di GARANZIA, ossia il Popolo e il Territorio della Nazione, ma senza mai mostrare di non essere di fatto più uno stato di diritto, ma un ente commerciale. Fino ad oggi, come vedete.

https://www.sec.gov/about/laws/tia39.pdf

P.s.: ci sono regole FERREE per i Guardiani e i Trustees INADEMPIENTI.

Valeria Gentili

Cerca

Condividi su facebook, twitter, google+, telegram, whatsapp, skype, o sms.