Se non conosci la storia, ripeterai gli stessi gravi errori - CDC e le bugie sull'autismo da vaccino

Da ricordare che le stime numeriche sono relative al numero di bambini afro-americani che ATTUALMENTE ha meno di 18 anni e non include nessuno dei bambini che avevano più di 4 ANNI nel 2001.
Le vittime dell'inganno e della FRODE della CDC non sono più considerate bambini a 4 anni e non sono quindi state incluse nel numero di danneggiati totali, ovvero 250.000 bambini.

http://thinkingmomsrevolution.com/many-african-american-boys-autism-result-cdcs-lies/
********************************************************

Se non hai ancora sentito parlare dell'analisi dei dati più importanti per capire come e perchè sia stata colpita la comunità di famiglie afro-americane che hanno figli vittime da vaccino per autismo, ecco cosa successe dal 2001 in poi.

• Il Dr. Brian Hooker ha rianalizzato i dati della CDC e ha riscontrato un aumento statisticamente significativo del rischio di autismo per i bambini che hanno ricevuto il vaccino MPR prima dei 36 mesi di età. [1] • L' aumento del rischio è stato più forte per i maschi afro-Americani, che erano 3.4 volte più suscettibili di sviluppare l'autismo quando vaccinati con MPR prima di 36 mesi, rispetto ai controlli sul campione corrispondente. [1] • Vi è stato un aumento del rischio di autismo, osservato da tutti i membri del board CDC per i bambini che hanno ricevuto il vaccino MPR prima di 36 mesi di età. [1] • La Dottoressa Hooker è stata avvertita di questo problema da uno degli scienziati della CDC, co-autoredi uno studio del 2004, che ha dichiarato nel report che non era rilevato alcun rischio di autismo basato sulla vaccinazione MPR prima di 36 mesi di età. Lo scienziato della CDC in questione, il Dott. William Thompson, è indicato come uno degli autori del paper sceintifico del 2004. Il Dottor Thompson oggi è definito "L'informatore della CDC" dal suo interno e sta rivelando la verità. Il dottor Thompson ha rivelato alla dottoressa Hooker che i ricercatori della CDC sapevano già nel 2001 del rischio molto maggiore per i bambini afro-Americani e hanno intenzionalmente coperto tutto. [2] • La CDC ha rilasciato una dichiarazione in cui non nega l'aumento del rischio di autismo per maschi afro-americani vaccinati con il primo MPR prima di 36 mesi di età. [3] • Nella dichiarazione della CDC, essa praticamente correla l'aumento dell'incidenza di autismo ad una "fretta" mostrata dai genitori di bambini già affetti da autismo di vaccinare i propri figli per iscriversi in asili educativi speciali. In altre parole, è solo una coincidenza. Un ricorso, tra l'altro, a loro dire non è minimamente credibile. I bambini afro-americani infatti, hanno avuto una regolare diagnosi del quadro autistico in ritardo, rispetto all'età media previta per essa, che è quattro anni e hanno ricevuto alcuni servizi in ogni caso, come gli asili per l'educazione speciale. Come può essere attendibile l'ipotesi che, nel 2004, ci sia stata una folle fretta di vaccinare i ragazzi afro-americani a 36 mesi SOLO per ottenere l'accesso agli asili per l'educazione speciale?

L'analisi dei dati della dottoressa Hooker ha rivelato un rischio relativo (RR) di 3.36 volte maggiore per i maschi afro-Americani. Il livello del rischio relativo era statisticamente attestato a p= 0.0019, il che significa che la probabilità che i risultati della dottoressa hooker fossero errati è di circa 1 su 1.000. (quindi, attendibilissimi)

Nella ricerca, "P" significa probabilità. Quando qualcosa è "statisticamente significativo" significa che è stato dimostrato un certo livello di probabilità, nel mentre vengono analizzati i dati. Un valore p di 05 è necessario per valutare se i risultati sono significativi o statisticamente significativi. 05 significa che si è ottenuta una garanzia del 95 % sulla correttezza del dato finale e che ciò che viene dimostrato è reale e non è frutto di casualità o coincidenza. Un livello 1 su 1,000 si traduce al 999 % di garanzia che ciò che è mostrato è reale e non è coincidenza.

La revisione dei dati è importante perché nel 2004 un gruppo di ricercatori della CDC ha pubblicato uno studio utilizzando gli stessi dati e nel loro documento, hao affermato che non c'era un significativo dato statistico tra i bambini con autismo e il campione di bambini senza quadro autistico, sulla base delle tempistiche di somministrazione del vaccino MMR. Questa era una bugia vera e propria. Lo so. Lo so. Siete scioccati

Quando si tratta di bugie sui vaccini e sull'autismo, la CDC è molto brava in quello che fa. Bugiardi sono bugiardi che continuano a mentire.
Come dichiarato dalla stessa dottoressa Hooker in modo davvero eloquente nella sua intervista con Teri Aranga su Voice of America: ".....Hanno mentito prima. Ora stanno mentendo sulle bugie prcedenti. Dove altro hanno già mentito?" [5]

In questo caso, si tratta di un vero e proprio campo di applicazione della domanda.
Dove altro hanno mentito e quanto sono grandi le implicazioni di quelle bugie?

Quanto è grande questo problema?

Lo studio del 2004 in questione è stato citato in 91 studi supplementari attualmente in corso tra la letteratura medica peer reviewed su Pubmed. Molti studi validati sui vaccini, sulla sicurezza dei vaccini e sul rapporto dei vaccini e il numero epidemico dei casi di autismo sono stati scritti dagli stessi ricercatori coinvolti nello studio fraudolento e mendace del 2004 (negando la correlazione, ovviamente)
Il campo di applicazione è enorme.
Non si tratta solo di uno studio, che mette in discussione la validità dell'intero corpo di ricerca sull'argomento. Il corpo di ricerca è quello che le famiglie, i professionisti del settore medico e i responsabili politici prendono in esame quando devono prendere decisioni per la salute dei singoli bambini e le raccomandazioni per la politica dei vaccini a livello di stati nazionali - come quello che riguarda le regole normative delle vaccinazioni obbligatorie per l'accesso alla scuola dell'infanzia e quali vaccini saranno "obbligatori" per la frequenza scolastica stessa.
Il corpo della ricerca influenza anche le decisioni prese per i bambini in tutto il mondo.
Non si tratta solo di uno studio e non si tratta solo di bambini afro-americani ad Atlanta.

Ci sono un sacco di cose di cui parlare sulle scoperte della dottoressa Hooker. La prima cosa è che i suoi risultati non sono diversi dai risultati degli scienziati della CDC.
E' vero: non c'è nessuna differenza. I ricercatori della CDC hanno inoltre riscontrato che " i bambini con autismo erano quelli probabilmente più vaccinati prima dei 36 mesi di età, rispetto al campione corrispondente."
Tali informazioni erano note allo IOM nel 2004, dal Dr. Frank Destefano, nella sua presentazione sui risultati dello studio. [6] (cfr. Le diapositive 35 e 39 della presentazione). )

La cosa vi confonde? Anche a me.
Il principale autore dello studio Destefano et al. 2004 ha riferito allo IOM che i bambini che hanno ricevuto un vaccino MPR prima di 36 mesi di età hanno avuto più probabilità di ricevere una diagnosi di autismo, rispetto ai loro coetanei che non hanno ricevuto il vaccino MPR prima dei 36 mesi di età. MA....Quando il documento finale che ha riferito i risultati delle loro ricerche fu pubblicato nella Journal Nazionale di Pediatria pediatria, quella informazione è stata CANCELLATA con tutte le informazioni ad essa correlate.

Quindi ora sei aggiornato su quello che sta accadendo.

Andiamo avanti...

Con tutta la copertura di questa importante rivelazione negli ultimi giorni, è scoraggiante per me capire cosa posso contribuire a scoprire che non sia già stato scoperto altrove.
Alcuni che mi conoscono hanno fatto l'osservazione che tendo ad essere piuttosto a indagare e con il fatto che le cose abbiano senso e siano comprensibili anche per coloro che non sono molto esperti di statistica e di progettazione sperimentale.
Sono un nerd. Mi piacciono i numeri.
Ho anche un'insaziabile curiosità sul perchè certe cose accadono e nel modo in cui lo fanno e questo alimenta il mio bisogno di scegliere le cose.
Detto questo, non sono perfetto e come la maggior parte delle persone, faccio degli errori.

Dal momento che questa storia è venuta fuori, è stato affermato molte volte (anche da me) che i dati indicano un aumento del 340% del rischio di autismo per i maschi afroamericani.
Il 340 per cento è un aumento enorme.
Attualmente è il 236 % il dato di aumento di cui si deve parlare.
I numeri segnalati dal dottor Hooker erano riferiti ad un rischio relativo.
In sostanza, poiché la popolazione di controllo ha un rischio relativo di 1.0, l'aumento del rischio per il gruppo di casi è ottenuto prendendo il rischio relativo per il gruppo di casi (3.36) e sottraendo il rischio relativo del gruppo di controllo (3.36). 1.0; in questo caso, l'aumento percentuale per i maschi afro-americani è di 3.36-1.0, o 2.36, che si traduce in un aumento del 236% del rischio.

Sei ancora confuso? Fai un respiro profondo, andrà meglio

Allora .. Ecco qua. Mi dispiace. Abbiamo commesso un errore, lo vedi, CDC?
Non è poi cosi' difficile ammettere di aver commesso.
Per fortuna, questo errore è passato inosservato per meno di 10 anni e per fortuna, nessun bambino è stato ferito a causa del nostro errore in eccesso di matematica.

Quando ho capito che avevamo usato un dato di aumento sbagliato, mi sono sentito un po' male.
I miei pensieri sono andati a qualcosa del tipo: " Oh, merda. Ora sembreremo come quei gruppi genitori allarmisti e questo sarà usato contro di noi, per dire che non sappiamo di cosa stiamo parlando."

Beh... Perchè questo dovrebbe spaventarci? Di certo non sarebbe niente di nuovo.

Come ho già avuto modo di pensare, mi è stato detto che ci sono motivi per cui saremmo così ansiosi di credere che il numero fosse pari al 340 per cento, o addirittura molto più alto di così.
Quelli di noi che hanno subito una lesione da vaccino, hanno avuto un aumento dell'l% rispetto a quello che ci è stato garantito come rischio eventuale.
Ci è stato detto: " I vaccini sono SICURI. Non c'è alcun rischio di autismo CORRELATO ALLA VACCINAZIONE mpr o a qualsiasi altro vaccino."

Come genitori aI QUALI è STATO mentito e che hanno visto la salute dei PROPRI figli DISTRUTTA dai vaccini che ci hanno assicurato essere "sicuri", abbiamo sicuramente dei radar molto efficati, quando si tratta di individuare l'intento criminale della CDC.

Molti di noi hanno fatto ricerche sui vaccini per molto tempo.
Abbiamo letto cosa dice la scienza e sappiamo che questo NON è un evento isolato.
Molti di noi vivono anche le conseguenze delle menzogne che sono state perpetuate.
Lo sbarrare e negare da parte delle istituzioni le nostre osservazioni di genitori e le nostre relazioni sulla regressione dei nostri figli e sui problemi di salute cronica, questo negare rigido da parte di coloro che dovrebbero proteggere la salute dei nostri figli è un atteggiamento costante. [7]

Questo si può definire stress post traumatico. E' un trauma.
E' la negazione di ciò che è successo a tutti i nostri figli, il che ci rende assolutamente e pienamente capaci di vedere il pericolo ancora maggiore per tutti i figli degli altri.
Questo è ciò che accade quando i ricercatori si rifiutano di denunciare la verità.
Se la verità sui danni fosse ancora inferiore a quello che noi stimiamo sulla base dei dati della stessa CDC è più probabile che lo potremo accettare, solo se riconoscerà COMUNQUE che esistono danni che vengono provocati ai nostri bambini.

Non perdiamo di vista ciò che conta davvero!

Un aumento del 236% è ancora enormemente significativo (p= 0.0019!!!) e nulla cambia il fatto che la CDC abbia occulatato i dati reali e sepolto la verità.
Come hanno fatto ripetutamente in passato, così come continueranno a fare, se non vi sarà un'inchiesta ufficiale del Congresso e se i responsabili non verrano ritenuti tali.

Vogliamo la verità. I nostri figli meritano almeno questo.

Quindi, ora che i dati salienti sono stati occultati e ora che è tempo di confessioni, ciò che rimane è parlare di ciò che i numeri veramente significano, in termini di vite di bambini reali, in carne ed ossa.

Di quanti bambini stiamo parlando?

Cosa significa un aumento del 236% del rischio di autismo per la popolazione di bambini afro-americani?
Secondo il sito web, stats.org, "un piccolo aumento del rischio in una grande popolazione può portare a molte morti" o in questo caso, a molti più casi di autismo. [8]

Ma non stiamo parlando di un piccolo aumento.
Abbiamo davanti agli occhi un aumento del 236 percento per i maschi afro-Americani.
Di nuovo. Che vuol dire?
Per trovare una soluzione, ci servono delle statistiche. Le statistiche più recenti sul tasso di autismo tra i bambini americani vengono dai dati dell'ADDM della CDC [9]

Lo so, sento che sbuffate. Iniziamo con quei numeri e così archiamo la pratica.

La relazione dell'ADDM del 2014 contiene informazioni relative ai bambini che avevano 8 anni nel 2010. I dati sono stati raccolti in 11 siti-campione negli Stati Uniti. Ho detto prima perchè questi dati avevano creato dei problemi, quindi non voglio entrare nel particolare, ci sono troppi dettagli su questo.

In poche parole, il numero d incidenza 1 su 68 è una sottostima reale di grande rilevanza per i seguenti motivi:

1. Nel momento in cui è venuto fuori il dato "1 su 68 bambini autistico", i bambini in questione avevano 12 anni e non 8;
2. I 11 siti nei quali erano stati raccolti i dati erano tutti in un solo uno stato federale (il New Jersey), tra i primi dieci stati con i più alti tassi di autismo, secondo i dati dell'IDEA (pubblica istruzione);

Secondo il rapporto della CDC, i dati dell'ADDM del 2014 rivelavano un aumento annuo del 13% del tasso di autismo e questo aumento annuo è stato coerente negli ultimi anni.
Quindi, quando abbiamo i dati su bambini che hanno tre anni di età, una stima più precisa del tasso di autismo in America (2014) è 1 in 21 bambini di tre anni e 1 su 18 bambini di due anni.

Chiunque sia stato in un corso di asilo di recente non dovrebbe avere problemi a crederci.

Se si usasse il vecchio dato di incidenza, sottostimato dalla CDC, di 1 su 68 soggetti per l'intera popolazione degli Stati Uniti, questo si tradurrebbe su scala nazionale in un tasso di 14.7 bambini con autismo ogni 1,000 ovvero 1,470 casi di autismo su 100.000 bambini americani.

La prossima cosa che dobbiamo fare è capire quanti bambini afro-americani ci sono negli Stati Uniti.
Il numero totale dei bambini (censiti fino a 18 anni) negli Stati Uniti nel 2013 era di 73,585,872. Tutti bambini afro-Americani, il 14% della popolazione totale dei bambini americani.
Va notato che il numero del 14% comprende solo quelli i cui genitori li identificano come "Black Only", Ovvero £Solo Nero", quindi il numero del 14% non comprende i bambini di un patrimonio razziale misto, mulatti.
Quindi il numero ufficiale di bambini "Black Only" Negli Stati Uniti (2013) era 10,179,544. [10]

Il rapporto tra i bambini maschi neri e le femmine nere negli Stati Uniti è stato abbastanza coerente dagli anni 80 e si assesta intorno al 1.03 a 1.0, il che significa che per ogni 1,000 femmine di colore nero, ci sono 1,030 figli maschi neri nati. [11]

La mia testa sta girando a questo punto, quindi, per il bene della mia stessa sanità mentale residua, dirò che la metà dei bambini neri in America sono maschi.

• Totale dei figli maschi afro-americani negli stati uniti diviso per 2:

10,179,544/2 = 5,089,772 (bambini afro-americani di età inferiore ai 18 anni)

Segnate. Andiamo a concludere.

Quindi, se l'autismo colpisce 1,470 di ogni 100,000 bambini, allora un aumento del 236% (rischio relativo di 3.36) nell'autismo si traduce in 3,469 casi aggiuntivi per 100,000 bambini afro-Americani.
Questi sono altri casi, NUOVI CASI....quindi dobbiamo aggiungere 1,470 + 3,469 e abbiamo 4,939 casi di autismo per 100,000 bambini afro-Americani.

Siccome la popolazione totale dei bambini afro-americani è di circa 5 milioni, il numero totale di bambini afro-americani con autismo a causa dell'aumento del rischio di vaccinazione tempestiva (prima dei 36 mesi) è stimato in 4,939 x 50 = 246,950 Bambini. (100,000 x 50 = 5,000,000)

250,000 vite. 250,000 famiglie.

Almeno 250,000 bambini afro-americani potrebbero essere stati risparmiati, se gli scienziati del CDC avessero detto la verità quando l'aumento del rischio era a loro noto, ovvero fin dal 2001.

(SIGNORI, QUESTO SI CHIAMA GENOCIDIO CONSAPEVOLE, ve lo garantisco io!)

Si ricordi che questo è il numero di bambini afro-americani che sono Attualmente al di sotto dei 18 anni e non include nessuno dei bambini che avevano più di 4 anni nel 2001

Le vittime dell'inganno del CDC non sono più considerate bambini, oltre i 4 anni,
quindi non sono incluse nelle 250,000 vittime già nel computo.

http://thinkingmomsrevolution.com/many-african-american-boys-autism-result-cdcs-lies/

E' una questione razziale?
Senza dubbio.
Ma è SOLO un problema razziale?
NO, per niente!!

Ciò che sappiamo a questo punto é che la CDC ha occulatato i dati di un significativo aumento del rischio di sviluppare l'autismo per bambini afro-americani, che hanno ricevuto il vaccino MPR secondo il programma di vaccinazione d'infanzia raccomandato dalla stessa CDC.

Questa vile menzogna è colpevole di almeno 250,000 casi di autismo nei bambini afro-Americani.
E questo numero è ancora altamente sotttostimato se si vuole comprendere la reale portata del danno occorso.

Quali sono i numeri veri? Il mio cervello non ce la fa oggi. Neanche il mio cuore può.

I maschi afro-americani non sono solo più esposti a sviluppare autismo a seguito di vaccinazione MPR.
Quelli come noi, con i nostri bambini feriti quasi a morte e vaccinati, sono solo una parte e poi c'è una sequenza infinita di di danni neurologici e al sistema immunitario che possono essere correlati ai vaccini.

Durante la preparazione di questo articolo, ho fatto un po' di ricerche su altri problemi che affrontano i bambini afro-americani e il quadro non è affatto bello.
In un recente articolo viene detto che i bambini afro-americani sono quelli con meno probabilità di accedere e terminare la scuola superiore. E' molto più probabile che siano sospesi dalla scuola e più probabile che presentino difficoltà di apprendimento delle lingue, rispetto ai loro omologhi non neri. [12]

Queste altre difficoltà di apprendimento e comportamentali tra i bambini afro-americani sono legate anche alla lesione del vaccino?
Sembra probabile.

Certo, queste sono domande che avrebbero potuto portare a soluzioni fattive13 ANNI FA, se solo la CDC non avesse deliberatamente OCCULTATO I DANNI da REAZIONI AVVERSE E INSABBIATO LE INFORMAZIONI.
A causa delle bugie e delle frodi della CDC, non abbiamo modo di sapere quanto incidano i fattori di lesione da vaccino in questi (o altri) problemi che affliggono i giovani maschi di razza neri del nostro paese.
E' certamente tempo di cambiare questa situazione e la ricerca su questi temi dovrebbe essere finanziata e intrapresa immediatamente.
Gli scienziati i cui salari sono finanziati con denaro dei contribuenti e la cui ricerca è invocata per le decisioni che riguardano la salute dei bambini, dovrebbero essere tenuti a rispettare un estremo livello di responsabilità.

L'obiettivo della ricerca scientifica non è quello di chiudere l'inchiesta.
L'obiettivo della ricerca scientifica è di ulteriori indagini.

La chiusura dell'indagine scientifica da parte della CDC e di altri aspetti attuati dal comportamento del Governo di Washington non sono un pietra tombale posta sulla questione nel 2004 e non sono l'unica fonte di prova per la correlazione vaccini-autismo.

Per coprire le prove in un campione gruppo di bambini che hanno subito un notevole aumento del rischio di danni significativi a causa dell'MPR, non solo è stato NEGATO alle famiglie afrO-Aamericane il sacrosanto diritto di prendere decisioni informate sull'assistenza sanitaria per i propri figli, ma è stata negata alla comunità scientifica l'opportunità di progettare e mettere in campo studi di follow-up per scoprire il motivo per cui questi bambini sono esposti ad un rischio tanto maggiore.

Le risposte a tali domande potrebbero aver contribuito a scoprire altri gruppi di bambini in altre aree del paese che possono avere fattori di rischio simili, compresi fattori che potrebbero non essere specifici solo per i maschi afro-Americani.

Lo studio fraudolento del 2004 ha identificato un particolare gruppo di sensibilità.
Se fossero stati fatti studi di follow-up è molto probabile che altri gruppi sensibili e a rischio sarebbero stati identificati.

Bingo! Bingo! Giusto!
Ecco qua perchè tutto è stato occultato!

Marcella Piper-Terry è la fondatrice di VaxTruth.org ed è la madre di un bambino che è stato danneggiato seriamente dai vaccini.
Marcella ha un master in scienze ed è un ricercatore indipendente.
È anche una consulente biomedica che lavora con le famiglie per ripristinare la salute dei bambini che hanno subito un infortunio sul vaccino.

fonti e richiami dal testo

[1] https://translationalneurodegeneration.biomedcentral.com/articles/10.1186/2047-9158-3-16
[2] https://finance.yahoo.com/news/study-focus-autism-foundation-finds-133000584.html
[3] https://www.cdc.gov/vaccinesafety/Concerns/Autism/cdc2004pediatrics.html
[4] https://www.cdc.gov/vaccines/schedules/hcp/child-adolescent.html
[5] http://www.voiceamerica.com/episode/79945/dr-brian-hooker-on-mmr-study-statistics-with-marcella-piper-terry-and-candyce-estave
[6] http://iom.edu/…/Pub…/ImmunizationSafety/DeStefanoslides.pdf
[7] http://thinkingmomsrevolution.com/stop-calling-us-crazy-autism-mmr-institutional-gaslighting/
[8] http://www.stats.org/faq_risk.htm
[9] http://www.cdc.gov/ncbddd/autism/states/comm_report_autism_2014.pdf
[10] http://tinyurl.com/novtbkx
[11] http://www.infoplease.com/ipa/A0005083.html
[12] http://sanfrancisco.cbslocal.com/2014/04/10/troubling-statistics-for-african-american-males-in-the-classroom/
[13] http://www.cbsnews.com/news/the-open-question-on-vaccines-and-autism/

versione originale qui:
LA RIVOLUZIONE DELLE MAMME PENSANTI
http://thinkingmomsrevolution.com/many-african-american-boys-autism-result-cdcs-lies/

nella foto
Copertina di Time magazine
Titolo:
L'Avvelenamento di un'intera generazione
Vaccini Tossici
Bambini Malati
e l'incompetenza dei leaders che li hanno traditi

TUTTI I BAMBINI DEL MONDO SONO I LORO OBIETTIVI
NON SOLO I NERI AFRICANI
MOLTI DI VOI LO SANNO GIA', PUTROPPO
TUTTI GLI ALTRI LO DEVONO CAPIRE ADESSO....
L'ITALIA HA L'OPPORTUNITA' PER FARE TESORO DELLE INFORMAZIONI E REAGIRE CON UN SECCO E FERMISSIMO "NO!"